Fenghuang, l’antica città della Fenice – Cina

fenghuang di sera2

Fenghuang, in cinese significa ‘fenice’. Il nome del leggendario uccello della mitologia cinese è dato dall’unione delle parole Feng e Huang, rispettivamente i maschi e le femmine della specie. Oggigiorno, questa distinzione di sesso non esiste più e il feng e l’huang sono uniti nella medesima entità femminile.

fontana della fenice Fenghuang

Arrivare qui, a Fenghuang, non è stato semplice con il mio itinerario. Sono partita da Chengdu con un treno di due ore e sono arrivata a Chongqing puntuale, alle 23.20. Il treno successivo, il notturno verso Tongren (la città più vicina a Fenghuang raggiungibile con i mezzi) sarebbe partito alle 23.58.

Le peripezie…

Poco tempo a disposizione, ma soprattutto una stazione che non è una sola, ma un insieme di più stazioni! In pratica sono arrivata alla piazza nord della stazione e il treno per Tongren partiva dalla stazione sud!

Ovviamente, la stazione era quasi deserta. L’unica anima viva era una guardia che non parlava mezza parola di inglese, e forse nemmeno di cinese (di solito il traduttore funziona!). Gli ho mostrato i nostri biglietti e quando è sbiancato ho capito che qualcosa non andava. Ha puntato il dito come a volerci indicare la strada, ma chi capiva!! E quindi io e Mattia abbiamo deciso di ascoltare il signore che nel frattempo si era messo in mezzo tra noi e la guardia e ripeteva “follow me, follow me!” e così ci siamo fidati. Per raggiungere l’altra stazione, a 5 chilometri da lì, in sostanza si deve prendere un taxi.

Scusate se non ho molti dettagli, ma ho un senso dell’orientamento che fa schifo anche quando so dove devo andare, figurarsi in questa occasione.

…e la conquista del treno!

Dopo corse, scale, scale mobili, porte sbarrate, code per i taxi, taxi e ancora corse, ce l’abbiamo fatta! Quattro minuti prima che il treno partisse siamo riusciti a salire a bordo, non prima però di aver ringraziato il nostro salvatore. Quello che ci voleva era una bella dormita e il mattino seguente ci saremmo risvegliati a Tongren.

Da Tongren a Fenghuang

L’autobus per Fenghuang parte da una fermata vicina alla stazione dei treni: una volta usciti, svoltate a sinistra e proseguite dritto fino ad una piccola rotonda. Lì dovrebbe esserci il vostro bus, ma per sicurezza fate sempre leggere in cinese il nome della città dove volete andare, in questo caso: 凤凰县

La città della fenice

  • fenghuang al nostro arrivo
  • fiume al nostro arrivo2
  • ponte fenghuang
  • fiume fenghuang
  • stradina
  • stradina2
  • mattia a fenghuang
  • fenghuang di sera
  • fenghuang di sera2
  • mulino fenghuang

Dall’autobus iniziavano a vedersi i primi scorci di questa città che sorge dalle sue ceneri sulle rive del Fiume Tuojiang, e mi ha conquistata già dal primo sguardo. Dava un senso di suggestione, di antichità e mistero e non si sfugge a tutto questo.
L’hotel graziosissimo, perso tra le mille vie, è stato abbastanza semplice da trovare. Tuttavia, controllando su Booking e Tripadvisor per condividere il link, mi sono accorta che non è più possibile prenotare. L’hotel era YiDou Inn, nel caso voleste tenere d’occhio la situazione.

C’è la possibilità di acquistare un biglietto cumulativo a 148¥ che consente l’accesso alla città vecchia e a tutti i principali punti d’interesse e una gita in barca di mezz’ora. Si può tranquillamente girare per la città anche senza biglietto, semplicemente non potrete entrare in questi particolari siti.
Prendetevi il tempo per ammirare le bellezze di Fenghuang, i suoi ponti insoliti e le sue strade ingarbugliate. Io e Mattia abbiamo anche fatto una degustazione di tè cinese, davvero molto particolare e diversa dal solito. Lo potete vedere nel video!
Assolutamente non bisogna perdersela di sera, quando le luci si accendono e la musica si alza, mostrando Fenghuang per quella che è: uno spettacolo.

Fammi sapere cosa ne pensi qui ;)