Panda giganti: la riserva a Chengdu

“Carini e coccolosi, ragazzi. Carini e coccolosi.”

Nel momento in cui abbiamo scelto la Cina come nostra prossima meta, ero impaziente e sovraeccitata per due motivi.

Motivo numero 1: la Grande Muraglia. Finalmente avrei camminato su quelle antiche e maestose mura che percorrono i confini della Cina per oltre ventimila chilometri. Di questo però parlerò in un altro articolo, che uscirà a breve.

Motivo numero 2: i panda. Coccolosi, morbidi, tondi e dolcissimi… come si può non adorarli? Quando ho scoperto che a Chengdu c’era un intero parco per la ricerca e l’allevamento di questi orsetti, sono andata in estasi.

A1D6B83E-CF14-4ABD-97BC-75E8B68FBC87-6349-000005CFE15E0DFA_tmp
E lui se la ride…
Quando andare, come arrivare, prezzi

Il Chengdu Research Base of Giant Panda Breeding è a circa 18 km a nord del centro, raggiungibile tramite la linea 3 della metropolitana (la fermata si chiama proprio “Panda Avenue”) e un bus navetta su cui, lungo il tragitto, pagherete 58 yuan per l’ingresso al parco. A bordo, l’intrattenimento è assicurato grazie ad una giovane ragazza cinese che parla senza sosta e senza variazioni tonali. L’orario di apertura al pubblico è dalle h 08.00 alle h 17.30. Il mio consiglio è quello di arrivare presto, tra le 08.00 e le 09.00, per riuscire a vedere i panda perché, innanzitutto, non dormono ancora e, in secondo luogo, l’afflusso di gente è decisamente basso quindi riuscirete ad avvicinarvi e vederli senza problemi.

Il parco

Il centro ospita numerosissimi esemplari, dai più adulti fino ai neonati, accuditi nella nursery e ammirabili attraverso un vetro. Una delle guide ci ha spiegato che, per far sopravvivere la specie, nella loro base di ricerca aiutano i panda ad accoppiarsi, dato che i maschietti sono davvero molto pigri e gli serve una piccola spinta. I veterinari, in parole povere, sfregano -con delicatezza- una canna di bambù sulle zone intime della femmina per lasciarvi sopra il suo odore e darla al maschio, che comincerà a giocarci finché non riconoscerà l’odore della sua compagna e finalmente i dottori potranno metterli nella stessa stanza e lasciarli soli a conoscersi, diciamo così.

Oltre ai classici panda bianchi e neri a cui siamo abituati, cercate il panda rosso. Somiglia tanto ad una piccola volpe, ma ancora più bella! Ci sono diverse zone dedicate a questi esemplari in cui i sentieri da percorrere attraversano la vegetazione e sarete completamente immersi nel loro habitat. Io, per esempio, ho avuto la fortuna di camminare al suo fianco sulla passerella! Date un’occhiata al video di Mattia sul suo canale YouTube e al mio profilo Instagram, e guardate con i vostri occhi!

IMG_8407

Giuro, per me è stata una delle giornate più belle in assoluto, anche se in realtà, viaggiando, la mia lista delle esperienze“più belle in assoluto” si fa sempre più lunga! 

Mi piace questo post! 4

2 thoughts on “Panda giganti: la riserva a Chengdu

Fammi sapere cosa ne pensi qui ;)