Onigiri giapponesi 🍙

Buongiorno, miei cari viaggiatori 🖤
Oggi vi porto con me nella Terra del Sol Levante, nella terra del sushi, della tecnologia e dei manga per assaggiare le famose polpette di riso triangolari avvolte da una foglia di alga nori: l’onigiri.
Quando ero in Giappone, mangiavo gli onigiri ogni volta che ne avevo l’occasione, spesso anche a colazione. Li si trova facilmente in tutti i konbini, le catene di convenience store h24 come 7-Eleven, Family Mart e Lawson, largamente diffuse anche in Usa, Thailandia e Cina.

Costano pochissimo, sono buoni e sani e soprattutto saziano. Cosa volere di più? Ci sono tantissimi ripieni diversi, dal salmone al tonno, dalla Philadelphia all’avocado, ed è proprio quest’ultima variante quella che troverete descritta qui in questo articolo.
Ciò non toglie che potrete sostituire il ripieno con ciò che più vi aggrada, quindi sbizzarritevi!

E ora, diamo il via alle danze! Le dosi sono per 6 onigiri belli cicciosi 🐹

[ LA PROPORZIONE RISO-ACQUA È 1:1 ]

ingredienti

  • 3 tazze/bicchieri di riso per sushi o originario
  • 3 tazze/bicchieri di acqua fredda
  • sale qb
  • mezzo avocado maturo tagliato a cubetti
  • alga nori
  • salsa di soia per condire

preparazione

Il primo passaggio è quello di sciacquare il riso con acqua corrente fredda, ma non eccessivamente perché non dovrete togliere tutto l’amido, ma solo un po’ quindi una passata veloce sotto l’acqua sarà sufficiente. Versate il riso nella pentola e ricopritelo con acqua fredda nella stessa quantità, ma senza salarla!

Mettete sul fuoco a fiamma alta con il coperchio finché non inizia a bollire, a questo punto abbassate il fuoco e lasciate cuocere per circa 10 minuti, sempre con il coperchio. Quando tutta l’acqua sarà stata assorbita, potrete spegnere il fuoco e lasciate riposare il riso per 3 minuti senza togliere il coperchio.
Mescolate il vostro riso dall’alto verso il basso e trasferitelo in un piatto per farlo raffreddare più velocemente.

Munitevi di una ciotola di acqua fredda che userete per bagnare le mani e del sale fino.
Si comincia immergendo le mani nell’acqua prima di ogni onigiri e mettendo un pizzico di sale sui palmi.

Strofinatevi le mani per distribuire meglio il sale e prendete il riso, formate una pallina e poi premete al centro per creare una piccola conca dove andrete a mettere il vostro avocado a cubetti. Se avete le mani piccole, come me, prendete altro riso per chiudere il vostro onigiri, altrimenti sarà sufficiente richiudere il tutto aiutandoti con l’altra mano.

Ora potete decidere se lasciarlo così, tondo e cicciotto, o se dargli la classica forma a triangolo, abbassando le dita a circa 90 gradi e schiacciandolo con delicatezza. I miei sono usciti una graziosa via di mezzo 😅

L’alga nori sarà il tocco di classe. Potete decidere se applicare una striscia molto piccola, tipo così 🍙, oppure se avvolgerli quasi completamente, come ho fatto io. Per far sì che l’alga nori aderisca al riso e si chiuda bene, sarà sufficiente inumidirla con le dita bagnate.

Proseguite così finché tutti i vostri nigiri saranno pronti per essere divorati!

Niente bacchette, si mangiano con le mani solo dopo averli annegati nella salsa di soia 🤤

consigli

Come dico sempre nelle altre ricette, se non seguite un’alimentazione vegetale, create queste polpette con ciò che più vi piace: salmone fresco, tonno, Philadelphia.. ogni ripieno sarà quello giusto! Io sicuramente li rifarò presto con la tartare di salmone perché la adoro!

Quando inizierete a fare gli onigiri, il riso non dovrà essere né troppo caldo né troppo freddo (altrimenti faticherà a restare unito): quando riuscirete a tenerlo in mano senza scottarvi, sarà il momento ideale per lavorarlo 😊


Sono sicura che questa ricetta vi farà fare un bel salto ad est in un batter d’occhio.
Per me, durante la quarantena, è stato il piatto che mi ha permesso di evadere per un attimo
perché, oltre al mio amato Giappone, mi ha ricordato le cene al sushi con gli amici e con Mattia,
a ridere e bere, e quanto siano importanti questi momenti che spesso diamo per scontati.
Benvenuti in Giappone
🎎

— Cristina

Fammi sapere cosa ne pensi qui ;)